Cronaca di un parto

Lunedì mattina, ad una donna in  gravidanza a  40 settimane di amenorrea, il ginecologo “minaccia” : “Se per la 41° settimana non inizia il travaglio  bisogna provvedere con l’induzione del parto con i farmaci”.
Mercoledì sera cerco di provocare il travaglio con i punti: Sp 6, Li 4, GB 21.
Alle ore 5 di giovedì  si ha la perdita delle acque e , in ospedale, dopo una visita , la paziente  viene ricoverata ma il travaglio non tende ad iniziare. La visita ginecologica e l’ecografia affermano che il feto è ancora alto e il canale del parto è chiuso. Mi confessano che la situazione non è favorevole e che di solito in questi casi bisogna ricorrere al parto cesareo.
A questo punto, giovedì ore 18, per far scendere la testa pungiamo i punti BL 67 e BL 60.
Poi subito dopo  il punto St 45 e il punto parallelo sul 3° dito del piede per dilatare il canale del parto.
Le contrazioni uterine dipendono dallo Shao Yang e alle ore 21 per attivate le contrazioni uterino pungo il punto GB 44 ma non succede niente. Poi penso ad una possibile “non esteriorizzazione dello Yin” tratto il punto GB 24 sempre sullo Shao Yang. Durante la seduta la paziente sente una sensazione di afflusso di energia verso il basso ventre senza né dolore né contrazioni.
Venerdì ore 2  il travaglio si avvia anche se le contrazioni non ancora poco regolari e valide.
Alle ore 2,30 pungiamo GB 44 per attivare e favorire le contrazioni uterine.
Sabato mattina, durante la visita,  sia il medico che l’ostetrica constatano con meraviglia che la testa del feto è scesa e che vi è una dilatazione di 3 cm.
Durante il travaglio i dolori sono violenti e abbiamo fissato un  ago a permanenza sul punto BL 32 per rendere sopportabile il dolore. Poi abbiamo trattato il dolore in base alla sua irradiazione:
-Dolore addominale con irradiazione agli arti inferiori lateralmente sullo Shao Yang con il punto GB 26
-Dolore sacrale e pelvico con il punto Lr 1 e PC 1
Per ammorbidire il perineo è stato punto  Sp 6 verso l’alto alle ore 15.
La dilatazione cervicale è progredita fino  alle ore 17 . Nell’ultima fase della dilatazione per trattare lo spasmo Lr 3, CV 4 in direzione CV 3.
Subito dopo ci trasferiamo nella sala parto.
A questo punto dovevamo pungere il punto Sp 6 e Li 4 per regolarizzare le contrazioni e prevenire le distocie ma non è stato possibile perché non era presente il medico responsabile non ho avuto il coraggio di chiedere il permesso all’ostetrica.
Dopo il parto pungiamo il punto Li 7 e GV 10 per favorire l’espulsione della placenta  e la “purgazione” del sangue.
Il giorno dopo il parto pungiamo Si 1 sia per favorire la montata lattea che prevenire la depressione post-partum.
Il parto avviene regolarmente, è un’esperienza meravigliosa ma non sono affatto invidioso   la lascio volentieri alle donne.

Lascia un commento

Ultimi articoli

Proust e la chemioterapia
Russamento e prima tripletta di Sun Si Miao
Un riflesso gastro-colico
Saluto a Carlo
Bocca urente
Disturbo post-traumatico da stress
Grazie
11° congresso SIDA
S. della bocca urente
Coronavirus e agopuntura

ASSOCIAZIONE CULTURALE “SIDA BAI HUI”

Richiedi iscrizione

materiale / dispense

contatti

"Associazione culturale SIdA Bai Hui"
Via Marchianò, 1 - 64011 Alba Adriatica (TE)
Telefono: 0861752483
Email: info@agopunturasida.it
Partita IVA: 00519230676
Ho preso visione della privacy policy ed acconsento al trattamento dei miei dati personali
La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Abbonati alla nostra newsletter per restare aggiornato.

Dichiaro di aver letto l'inforamtiva ai sensi dell'art. 13 del GDPR 679/2016 e di acconsentire al trattamento previsto dal punto 10