Blog dei casi clinici di AGOPUNTURA - dr. Dante De Berardinis

14 MAG 2019

Vomito in gravidanza

Motivo della consultazione

Donna di 30 anni viene in studio per nausea e vomito che persiste ancora alla 20° settimane di gestazione.

Negli alimenti sente odori strani e sapori vomitevoli. Riesce a mangiare poco e solo pane e pasta.

Non acidità di stomaco anche se ne   soffriva prima della gravidanza.

La  madre aveva avuto lo stesso problema fino al sesto mese nelle sue due gravidanze.

Terapia

  • TH7 , Hui Zong
  • CV22, Tian Tu
  • CV17, Shan Zhong

Andamento clinico

Miglioramento netto dei sintomi gastrici a partire dal giorno dopo la seduta. Si sente meglio anche psicologicamente.

Scomparsa dei sintomi dopo la seconda seduta.

Discussione

Per la nausea e il vomito nei primi tre mesi di  gravidanza di solito usiamo il protocollo SIDA che riporto in appendice e  che prevede sedute quotidiane in cui  ogni giorno si cambia terapia finché non si trova quella efficace.

Questa paziente è particolare perché il disturbo persiste ancora alla 20° settimana di gestazione.

Nel secondo trimestre sono sconsigliati i punti del MP di Stomaco perché, si dice, che potrebbero favorire una minaccia d’aborto o un parto prematuro a causa della loro azione di “far scendere il Qi”.

La gravidanza segue i 5 movimenti in senso anti orario:

  • Inizia con l’Acqua, il Rene, il Jing, ovuli
  • Il Jing riceve il Po, Metallo, Polmone. L’interazione tra Acqua e Metallo permette la fecondazione.
  • Si passa poi  alla Terra che controlla i primi tre mesi
  • Il secondo trimetre è sotto il controllo del Fuoco
  • Il terzo trimestre è controllato dal Legno

Nella paziente in oggetto ci troviamo nel secondo trimestre e quindi nel  periodo sotto il controllo del Fuoco: TH, PC. Vi è inoltre  una familiarità del problema.  Il resto è stato semplice. Ho pensato al punto

  • TH7 che regola  la trasmissione ereditaria della Zong Qi
  • CV17, punto Mu del PC.

Pericope dalla dispensa “Cause di insuccessi della terapia con agopuntura” del sottoscritto.

Curare la malattia familiare

“Abbiamo parlato, anche,  delle due componenti della Zong Qi: una parte ereditata che era stata acquisita dagli antenati, localizzata nel Jiao Inferiore, inconscia; una parte acquisita durante la vita localizzata nel Jiao Superiore, cosciente.

Le turbe ancestrali sono in latenza nel Jing del Jiao Inferiore e si manifestano come malattia quando si perde questa latenza e sale  al Jiao Superiore.

Il punto che è molto utile in questi casi  Hui Zong, TH7:

•        Hui (R. 2254) = riunirsi, reincontrarsi.

•        Zong (R. 5240) = tempio degli antenati

Il nome è esplicito, Hui Zong, permette la comunicazione, la riunione, Hui,  della  Zong Qi del JS e la Zong Qi ancestrale del JI

In pratica regola  la relazione JS-JI nei due sensi:

•        Espressione della latenza della Zong Qi ancestrale

•        Rimessa in latenza di qualcosa di patologico che si è espresso

TH7, Hui Zong, trattando il San Jiao, apre il petto per consentire al Cuore di comunicare con i Reni attraverso il Polmone[1].

TH7 è anche il punto chiave antico (poi cambiato oggi con TH5) dello Yang Wei Mai che regola la manifestazione del Jing durante la vita  nei suoi cicli di 7\8 anni.

Jeffrey Yuen specifica: “TH7,  collegato all’idea di incontro con la Zong Qi. Apertura dello Yang Wei Mai per la salita e l’uscita delle cose non risolte, è  associato al PC e al petto. Come punto di apertura Yang Wei Mai aiuta ad eliminare verso l’esterno problemi costituzionali e libera della latenza”[2].

Quando una malattia familiare, ad un certo punto della vita, si manifesta, il medico potrebbe intervenire in due maniere:

  • Cercare di riportare in latenza la malattia
  • Cercare di eliminare il patogeno.

Riportare la malattia in uno stato di latenza

In pratica ciò che è contenuto nel programma genetico inizia a manifestarsi quando il Jing innato comincia a formare il Qi e lo Xue e questi si muovono nel petto. Per riportare la malattia in latenza, al punto Hui Zong possiamo aggiungere:

  • CV17, Shan Zhong, è  un punto collegato a PC e al petto, alla protezione e a qualcosa che non si riesce a gestire nella vita. E’ il punto che si potrebbe associare per cercare di riportare in latenza la malattia. Un suo nome secondario è Er Yuan:  Er significa figlio; Yuan = energia originale in deposito. E’ come se agisse riportando il patologico (figlio) verso la madre Yuan-deposito, nascosto.

Cercare di eliminare la malattia verso l’esterno

Per cercare di eliminare la patologia che ha un carattere familiare, al punto Hui Zong possiamo aggiungere:

  • CV22, Tian Tu, punto Finestra del Cielo,  è legato a qualcosa che cerca di venire fuori via dal Ministro del Cuore, all’espressione attraverso la verbalizzazione e la presa di coscienza con la sua funzione di aprire gli orifizi della testa. Il suo nome secondario è Yu Hu che significa porta (interna), Hu, e giada, Yu. La giada è la pietra della perennità e indica simbolicamente sopravvivere attraverso la discendenza. In questo caso potrebbe avere il significato di aprire la porta per il passaggio di ciò che viene dalla discendenza, dagli antenati, per esprimerla e eliminarla verso l’esterno. TH7 + CV22 aiuta ad esprimere, a far uscire ciò che è nel petto. “Aiuta (anche) le persone assediate dal loro passato per la sua relazione con il Sangue”.

Sia nella terapia che cerca di rimettere in latenza la malattia sia nella terapia che cerca di eliminarla può essere utile aggiungere il punto BL17 perché con la sua funzione di regolare il Diaframma permette la comunicazione tra lo Shen innato localizzato nel Jiao Inferiore (Yuan Shen), e lo Shen acquisito localizzato nel Jiao Superiore.

Nel nostro caso abbiamo usato insieme i due punti poi l’organismo sceglie cosa è in grado di fare: se eliminare o mettere in latenza.”

Appendice

Protocollo SIDA della nausea e vomito in gravidanza

L’agopuntura è molto efficace nel trattare i problemi gastrici come la nausea e il vomito nei primi tre mesi della gestazione. La SIDA ha sviluppato un protocollo dove si parte dai punti più spesso efficaci con sedute quotidiane finchè non si trova la soluzione giusta:

  1. KI21
  2. ST30, ST36
  3. ST22 + ST 11 se nausea, + ST9 se vomito.
  4. PC6, CV12

Chiedere sempre se è presente la bocca amara che è il segno che il diaframma è bloccato dall’Umidità Calore. Allora pungere GB38.

Se nessuno di questi punti risulta efficace bisogna abbandonare il sintomo e cominciare una diagnosi specifica e personale.

Dr. Dante De Berardinis



[1] Non esiste una comunicazione diretta tra Rene e Cuore per cui la loro interazione viene resa possibile attraverso il Polmone.

[2] Vedi dispensa del seminario di Jeffrey Yuen sulla endocrinologia pag.34

Aggiungi commento